Andrea C.

Ho analizzato le caratteristiche tecniche di queste telecamere per darvi una descrizione precisa. La sicurezza della propria abitazione/ufficio è sempre più un tema caldo in questo periodo, ed è per questo che anche io ho deciso di dotarmi di alcuni sistemi di sicurezza per stare un po’ più tranquillo.

Ip-Cam
Foto del prodotto
Modello AMCREST IP2M-841B FDT FD7901B USMAIN HD 720P SPIGEN E300W
Risultato del test
Risultato del test 9 su 10 12/2016
Risultato del test 7 su 10 12/2016
Risultato del test 6 su 10 12/2016
Risultato del test 5 su 10 12/2016
Valutazione dei consumatori 4 su 5 stelle_valutazione 4 su 5 stelle_valutazione 5 su 5 stelle_valutazione 4 su 5 stelle_valutazione
Risoluzione filmato 1080p 720p 720p 720p
Ethernet/ Wifi Si / Si Si / Si Si / Si Si / Si
Gestibile da Android /iOs / PC Si /Si/ Si Si /Si/ Si Si /Si/ No Si /Si/ Si
Personalizzazione impostazioni 10 6 7 6
Motion Alert Si Si Si Si
Avvisi via mail Si Si No (avvisi tramite app) Si
Angolo visione 90° 90° N.D. N.D.
Supporto ONVIF Si Si Si Parziale
Visione notturna Fino 10m Si Fino 6m Fino 10m
Consumo <7,5W Fino 8 metri <10W <10W
Fw aggiornabile Si <5W Si tramite app Si
Pro
Contro
VAI ALL'OFFERTA VAI ALL'OFFERTA VAI ALL'OFFERTA VAI ALL'OFFERTA

Introduzione

La sicurezza della propria abitazione/ufficio è sempre più importante, ed è per questo che anche io ho deciso di dotarmi di alcuni sistemi di sicurezza per stare un po’ più tranquillo.
Ho quindi provato diverse ip-cam, da quelle più semplici con inquadratura fissa a quella un po’ più complesse dotate di motorino e chiamate Ip-Cam PTZ (Pan-Tilt-Zoom).
Tra questi tipi di Ip-Cam c’è una differenza di prezzo non eccessiva viste le funzioni in più che dispongono quelle PTZ. Se le camere fisse sono quasi dei giocattoli, è con quelle PTZ che si può creare un sistema di sorveglianza più completo, visto che oltre alla possibilità di muoverle vengono spesso aggiunte una serie di funzioni di controllo che in quelle fisse raramente sono presenti.
Ho quindi confrontato tre camere PTZ economiche che si trovano su Amazon a un prezzo tra i 65 e gli 80 euro; a queste ho affiancato una camera di livello decisamente superiore per capire se vale la pena spendere 120 euro o se Ip-Cam entry level come queste sono già valide soluzioni.

I modelli

SPIGEN E300W

Conosciamo bene la SPIGEN per essere una dei migliori produttori di cover per telefoni cellulari, recentemente si è lanciata nel mercato accessoristica e tra i diversi prodotti ha presentato la Ip-Cam E300W.

spigen

spigen_connessioni

FDT FD7901B

Sullo stesso presso della camera Spigen si trova il modello FD7901B della FDT. La ditta sembra essere una controllata della più nota Amcrest con prodotti destinati a un mercato economico.

fdt

fdt_connessioni

USMAIN PTZ HD720P

Ultima tra le Ip-Cam PTZ economiche è il modello HD720P della USMAIN. Questa ditta è di chiara origine orientale, produce principalmente componenti legati al networking e recentemente ha presentato anche questo modello di camera di sicurezza.

usmain

usmain_conessioni

AMCREST IP2M-841B

La camera di livello più alto, pur sempre rimanendo all’interno di un utenza domestica, è quella della AMCREST. Il modello preciso è la IP2M-841B che è dotata di alimentazione dedicata, ne esiste un modello identico ma con alimentazione POE.

amcrest

amcrest_connessioni

Dotazione nella confezione

Tutte le camere hanno una dotazione simile, sono infatti fissabili a muro e nella confezione si trova il supporto a parete dedicato (viti incluse). Nella confezione si trova anche l’alimentatore e un cavo ethernet per connetterle alla rete di casa; sono tutte dotate di Wifi ma solo i modelli della FDT e della Spigen sono dotati di antenna esterna (le altre hanno antenna integrata).
In nessuna confezione è compresa la microSD che andrà acquistata a parte, mentre il CD contenente i programmi base si trova nelle confezioni della Amcrest, FDT e della Spigen. Sul sito di Amcrest si trovano anche altri programmi interessanti da poter scaricare, come una utility per gestire più camere (anche di tipo diverso) insieme e trasformare il pc in un NVR.

Caratteristiche di visione diurna e notturna

Delle tre camere solo la Amcrest ha un sensore FullHD e sicuramente ha la migliore qualità visiva.
Le altre tre camere sono “solo” HD, garantiscono lo stesso una buona visualizzazione del flusso video più che sufficiente per un utilizzo di camera di sicurezza.
Purtroppo la camera della USMAIN ha un flusso video un po’ troppo compresso e questo di da un video con qualche piccolo artefatto. Delle tre camere probabilmente è la Spigen ad avere la qualità video migliore, ma la FDT è inferiore davvero di poco.
La differenza tra una camera FullHD ed una HD non si nota molto su schermi piccoli, ma su schermi grandi come quelli di un pc si ha una visione più nitida e definita. Per un utilizzo di sicurezza è più che sufficiente un video HD, soprattutto perché occupa meno spazio quando memorizzato, aspetto da non sottovalutare (da notare che spesso esiste la possibilità di salvare il video in bassa qualità e alzarlo in alta qualità solo quando si rilevano movimenti).
Nella visione notturna le cose cambiano: la camera Amcrest è quella più sensibile alla luce ed è l’ultima a dover accendere i led notturni per restituire immagini chiare, ma nel buio assoluto è la camera FDT ad avere le prestazioni migliori. Rispetto alle altre ha infatti la miglior penetrazione nelle tenebre riuscendo a mostrare zone che per le altre camere sono troppo scure e superando anche i 10 metri dichiarati. Le camere della Spigen e della Amcrest si fermano a una penetrazione di uno o due metri inferiore. Ultima e molto staccata dalle altre arriva la camera Usmain, che avendo un unico led illuminatore riesce ad avere una penetrazione di molto inferiore, attestabile a circa i 6 metri dichiarati.

Funzioni base e connessioni

Tutte le videocamere sono in grado di collegarsi via Wifi e presa Ethernet, ma la camera FDT ha delle difficoltà di gestione dei caratteri speciali nelle password wifi non connettendosi alla rete se sono presenti. La speranza è che questo possa essere sistemato con un aggiornamento Firmware.
Le camere hanno tutte la possibilità di registrazione su microSd, ma ancora più importante è la registrazione in remoto, visto che la camera può essere facilmente individuata e la microSD rimossa.
In questo aspetto tutte le camere tranne la Usmain supportano il protocollo ONVIF utile per collegare la camera ad un NAS o un NVR. Sempre la Usmain è l’unica a non supportare la registrazione su un server FTP risultando quindi tra le quattro quella meno sicura sotto questo aspetto.
La camera Amcrest è l’unica che ha la possibilità di essere connessa direttamente ad un allarme tramite una serie di plug posti nella parte posteriore, è così possibile far scattare l’allarme al rilevamento di un movimento.

Qualità software di gestione

La gestione delle Ip-Cam può essere effettuata tramite interfaccia grafica da PC accedendo all’indirizzo IP della camera. Solo la Usmain non ha questa funzione e va gestita unicamente tramite applicazione mobile.
La miglior interfaccia grafica è sicuramente quella della Amcrest. La grafica è semplice anche se sono disponibili moltissime impostazioni per la gestione, non sempre tutti chiari visto che spesso usano termini tecnici. La Amcrest è l’unica ad avere un Motion alarm configurabile anche nella sensibilità delle zone.
Purtroppo a causa dei codec utilizzati dallo streaming non è possibile visualizzarlo all’interno del broswer, anche se viene proposto di installare un plugin che nel mio caso non ha funzionato. Tramite Chrome app store è però possibile installare una estensione che agendo come una app esterna permette la visualizzazione del flusso video e risolve ogni problema. Amcrest sul suo sito mette a disposizione anche alte applicazioni per pc, tra cui una che serve a gestire molte camere insieme e trasforma il pc in un NVR.
Più semplice le interfaccia grafica della FDT, che però è anche l’unica che mi ha dato modo di visualizzare lo streaming della camera senza alcun plugin esterno. Questa interfaccia è tradotta in italiano, ma in maniera talmente penosa che ho preferito usarla in inglese.
In ultimo l’interfaccia grafica della Spigen, che sicuramente è la più semplice ma anche la più povera di impostazioni. Anche qui non sono riuscito a visualizzare lo streaming video, è assente la traduzione italiana ma è talmente semplice da poter essere facilmente usata.

Telefono

Tutte e quattro le camere hanno una applicazione per poterle gestire tramite telefono, sia Android che Iphone; invece nessuna ha una applicazione per WindowsPhone.
La miglior applicazione è senza dubbio quella Amcrest, ma solo per la grafica, visto che come funzionalità è molto simile a quella della FDT.
L’applicazione permette di gestire molti aspetti del funzionamento della camera, anche se spesso è necessario il pc per i settaggi più approfonditi. In alcuni casi, come per le camere della Usmain e FDT, l’app è fondamentale anche per l’installazione.
Le camere della Usmain e Spigen hanno una app più adeguata ad un suo tramite telefono, molto semplici e con un menu compatto ideale per schermi piccoli.

Funzioni sicurezza

Tutte le camere supportano la funzione principale: il Motion Alert: una volta che individuano un movimento inviano un allarme al proprietario per notificare l’evento.
Mentre la Usmain invia un allarme solo alla app, le altre camere sono in grado di inviare una mail con uno screenshot di quanto accaduto. Dall’applicazione mobile delle quattro camere sarà poi possibile andare a visualizzare cosa succede, eventualmente muovendo la camera, e c’è la possibilità di interagire con l’ambiente visto che tutte e tre le camere sono dotate di microfono e cassa. Si potrà così dialogare con una eventuale persona presente nell’ambiente.
Da segnalare che la Amcrest è sicuramente la più configurabile tra le camere, permettendo di essere avvisati sia in presenza di movimenti, sia di suoni anomali e permette di impostare le zone più o meno sensibili ai movimenti. Le altre camere permettono solo di impostare una sensibilità generica valida per tutta l’inquadratura.
Mentre la Usmain ha unicamente la possibilità di accendere/spegnere il motion alert, le altre camere hanno la possibilità di impostare una pianificazione settimanale per decidere quando attivare l’allarme. La Amcrest permette anche di decidere alcune azioni da svolgere quando scatta l’allarme, come l’inizio di una registrazione video o il salvataggio di uno screenshot.
Purtroppo la Spigen per quanto riguarda la registrazione su microSD ha un grosso difetto: la registrazione del file su microSd avviene ogni 10 minuti. Se si interrompe l’alimentazione avremo le registrazioni solo dell’ultimo evento di registrazione e quindi avere fino a 10 minuti di buco (se l’interruzione avviene appena prima del momento di registrazione). Poco utile per un sistema di sicurezza.
Un difetto della camera FDT è che se viene a mancare la corrente, nel susseguente Self-Test di avvio si resetta alla posizione dell’obbiettivo e quindi se l’avete posizionata in maniera differente non inquadrerà l’ambiente come desideravate. Mi auguro che sia un difetto che sistemeranno con un aggiornamento.

Funzioni aggiuntive

Oltre alle funzioni base, la camera Amcrest dispone anche di un interessantissimo servizio aggiuntivo.
Registrandosi al sito del produttore è possibile attivare un “salvataggio cloud” in remoto. La camera invia in automatico ai loro server il flusso video registrato, che viene conservato nel cloud accessibile con le credenziali di registrazione. A seconda del piano scelto è possibile tenere in memoria più o meno ore di registrazione da più fonti, ma già con il piano free, disponibile con l’acquisto di una loro ip-Cam è possibile memorizzare le ultime 4 ore di flusso video.
Un servizio molto interessante, che può rubare un po’ di banda in upload ma che permette di tenere al sicuro gli ultimi minuti/ore di registrazione anche nel caso qualcuno decida di rompere i dispositivi che abbiamo in casa.

Supporto/aggiornamenti

Qui bisogna fare un distinguo: Amcrest e FDT sono ditte che basano la propria attività proprio su dispositivi di sicurezza, le altre due si stanno affacciando ora su questo tipo di mercato.
Amcrest e FDT sono quelle che offrono il miglior supporto, se contattate via mail rispondono in breve tempo e sul loro sito (molto simile graficamente per altro) è presente la sezione per scaricare gli aggiornamenti FW dei dispositivi. Ho quindi avuto modo di aggiornare già due volte la camera Amcrest, mentre per quella FDT non sono ancora disponibili aggiornamenti, anche se per altri modelli della ditta ci sono.
L’aggiornamento FW per la Usmain è gestito dall’applicazione mobile, appena installata mi è arrivato subito un aggiornamento per la ip-cam, non ne ho poi ricevuti altri.
La peggiore sotto questo aspetto è la Spigen: seppur nelle impostazioni sia presenta la voce per l’aggiornamento, non esiste alcun sito di supporto dove reperire il file. Nel sito ufficiale nemmeno si fa menzione dell’esistenza di questo dispositivo, che viene quasi da pensare che non sia ufficiale (ma su Amazon è venduto dall’account ufficiale di Spigen). Contattandoli dicono che non esiste alcuna necessità di un aggiornamento per il dispositivo. Devo dire che avrei preferito un supporto di gran lunga migliore.

Conclusioni

Differenze tra camere entry level e camere più evolute ne esistono. In ogni camera economica ho rilevato dei difetti più o meno grossi e garantiscono una qualità visiva e una personalizzazione inferiori.
A parte la camera Amcrest, che è sicuramente la più costosa ma anche decisamente la migliore, tra le tre camere economiche probabilmente la migliore è quella della FDT visto che risulta la più equilibrata.
Non è esente da difetti, uno anche piuttosto grave come quello del reset quando manca la corrente, ma è quella che offre le prestazioni superiori e la miglior interfaccia di gestione. La speranza è che gli aggiornamenti possano porre rimedio ai difetti.
Delle due restante, probabilmente la Usmain è sovraprezzata, ed è il motivo che mi spinge a scegliere la Spigen anche a dispetto della mancanza di aggiornamenti FW. La Usmain tra l’altro è anche quella priva di avvisi via mail.